Back
Blank Blank
Big_img_7985

Alex0985
Italy

Il primo amore

Volevo salire su una moto vera da quando avevo 12 anni.. non so come mai, visto che mio papà non è un appassionato e nemmeno conoscevo qualcuno che lo fosse... tra me e me c'era solo la voglia di accarezzare l'aria è il senso di libertà che vedevo nei motociclisti che ogni tanto incontravo per strada...il mio sogno ha aspettato a realizzarsi a 22 anni... prendevo in giro un amico per la sua moto con il faro un po' retrò e per la sua nudità, perché come spesso succede le carenate a primo impatto ricordano il più bel ragazzo della scuola, irraggiungibile e spesso anche un po' stronzo perché alla fine sa di essere bello, sa di essere guardato e quindi tende ad avere quel atteggiamento un po' superiore così come le carenate che noti passare al primo sguardo... davanti a me invece un monster meno fluido nel suo groviglio di tralicci ... ma per me era pur sempre una moto vera per cui ho deciso di chiedere al mio amico un piccolo giro per vedere se le sensazioni che immaginavo si sarebbero realizzate. Avendo preso in giro la sua moto ho dovuto insistere, come solo le donne sanno fare, per farmi portare almeno una volta. Dopo mille tentativi decide di portarmi e mi da appuntamento in un giorno di Maggio con l'ordine di prendere un giacchetto anti vento e abbigliamento comodo...mi aspetto un breve giro nei dintorni... si parte... casco in testa, mani attorno alla vita del conducente è un po' di emozione per la nuova esperienza.. un momento di vuoto allo stomaco tra un cambio di marcia e l'altro...e poi finalmente la sensazione più bella mai provata...la mente vuota, il solo pensiero andava alle curve, al paesaggio che viaggiava veloce tra un colle e l'altro, la sensazione del "qui e ora" ..nessun pensiero andava a lavoro, delusioni o impegni del giorno dopo... poi come a svegliarsi da un sogno arriviamo al mare... i complimenti del conducente per la mia naturalezza nel seguirlo nelle curve...senza paura per la completa fiducia che riponevo in lui e nella moto che comunque scalpitava come un Mustang essendo un 1000.. da qui la sua decisione di portarmi un po' più in là e non solo "nei dintorni".. dopo una splendida giornata al mare che ricordo come la più bella della mia vita il ritorno ... già sera, il mio giubbetto non teneva caldo anzi... ma non demordevo..sarei stata su quella moto tutta la notte... arrivati alla mia macchina... è stato come sentire la sveglia al mattino...la moto che avevo preso in giro era diventata amore .. la fine del sogno.. o forse l'inizio... da un monster s2r rosso con banda bianca il mio sogno realizzato due anni dopo è stato mio primo monster s4r nero opaco con banda rossa ..inutile dire che il secondo mio grande amore questa volta aveva una centaura a bordo ed ero io...
Close